::: LEGGESULLAPRIVACY.IT :::

RICERCA NEI NOSTRI DATABASE

RICERCA AVANZATA

Categoria
primo termine
secondo termine
terzo termine
 
LA CONSULENZA PER TE

LEGGE SULLA PRIVACY
(D.LGS. 196/03)

  • CONSULENZA: COME OPERIAMO
  • DURP - DPS
  • DATA PROTECTION IMPACT ASSESSMENT
  • RESPONSABILE PRIVACY
  • DATA PROTECTION OFFICER

LEGGE ANTI USURA
(l.108/96)

  • CONSULENZA: COME OPERIAMO

LEGGE ANTI RICICLAGGIO
(d.lgs.231/07)

  • CONSULENZA: COME OPERIAMO

LEGGE SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO
(d.lgs.81/08)

  • CONSULENZA: COME OPERIAMO

RESPONSABILITA' AMMINISTRATIVA ENTI
(d.lgs.231/01)

  • CONSULENZA: COME OPERIAMO
TESTI DELLA NORMATIVA

REGOLAMENTO EUROPEO 2017/679

  • TESTO NORMATIVA

LEGGE SULLA PRIVACY
(D.LGS. 196/03)

  • TESTO NORMATIVA
  • ALLEGATO B
  • CIRCOLARI GARANTE
  • DOCUMENTI ATTINENTI
  • DEFINIZIONI

LEGGE ANTI USURA
(l.108/96)

  • TESTO NORMATIVA
  • SENTENZE

LEGGE ANTI RICICLAGGIO
(d.lgs.231/07)

  • TESTO NORMATIVA

LEGGE SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO
(d.lgs.81/08)

  • TESTO NORMATIVA

RESPONSABILITA' AMMINISTRATIVA ENTI
(d.lgs.231/01)

  • TESTO NORMATIVA
     

Testi Normativi - d.lgs.231/07

Articoli dal 1 al 32 di 69
   

21/11/2007

Titolo I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE Capo I Disposizioni comuni
IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;
Vista la direttiva 91/308/CEE del Consiglio, del 10 giugno 1991,
relativa alla prevenzione dell'uso del sistema finanziario a scopo di
riciclaggio dei proventi di attivita' illecite... [apri]


1

21/11/2007

Titolo I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE Capo I Disposizioni comuni
Art.1
Definizioni
1. Nel presente decreto legislativo l'espressione:
a) "codice in materia di protezione dei dati personali" indica il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196;
b) "CONSOB" indica la Commissione nazionale per la societa' e la borsa;
c) "CAP" indica il decr... [apri]


10

21/11/2007

Capo III Soggetti destinatari degli obblighi
Art.10
Destinatari
1. Le disposizioni contenute nel presente decreto si applicano ai
soggetti indicati negli articoli 11, 12, 13 e 14.
2. Le disposizioni contenute nel presente decreto, fatta eccezione
per gli obblighi di identificazione e registrazione indicati nel ... [apri]


11

21/11/2007

Capo III Soggetti destinatari degli obblighi
Art.11
Intermediari finanziari e altri soggetti esercenti attivita' finanziaria
1. Ai fini del presente decreto per intermediari finanziari si intendono:
a) le banche;
b) Poste italiane S.p.A.;
c) gli istituti di moneta elettronica;
c-bis) gli istituti di ... [apri]


12

21/11/2007

Capo III Soggetti destinatari degli obblighi
Art.12
Professionisti
1. Ai fini del presente decreto per professionisti si intendono:
a) i soggetti iscritti nell'albo (( . . . )) dei dottori
commercialisti ((e degli esperti contabili)) e nell'albo dei consulenti del lavoro;
b) ogni altro soggetto ch... [apri]


13

21/11/2007

Capo III Soggetti destinatari degli obblighi
Art.13
Revisori contabili
1. Ai fini del presente decreto per revisori contabili si intendono:
a) le societa' di revisione iscritte nell'albo speciale previsto dall'articolo 161 del TUF;
b) i soggetti iscritti nel registro dei revisori contabili.
2. I soggetti ind... [apri]


14

21/11/2007

Capo III Soggetti destinatari degli obblighi
Art.14
Altri soggetti
1. Ai fini del presente decreto per "altri soggetti" si intendono
gli operatori che svolgono le attivita' di seguito elencate, il cui esercizio resta subordinato al possesso delle licenze, autorizzazioni, iscrizioni in albi o registri, ovvero a... [apri]


15

21/11/2007

Titolo II DEGLI OBBLIGHI Capo I Obblighi di adeguata verifica della clientela Sezione I Disposizioni di carattere generale
Art.15
Obblighi di adeguata verifica della clientela da parte degli intermediari finanziari e degli altri soggetti esercenti attivita' finanziaria
1. Gli intermediari finanziari e gli altri soggetti esercenti attivita' finanziaria di cui all'articolo 11 osservano gli ob... [apri]


16

21/11/2007

Titolo II DEGLI OBBLIGHI Capo I Obblighi di adeguata verifica della clientela Sezione I Disposizioni di carattere generale
Art.16
Obblighi di adeguata verifica della clientela da parte dei professionisti e dei revisori contabili
1. I professionisti di cui all'articolo 12 osservano gli obblighi
di adeguata verifica della clientela nello svolgimento della propria attivita' professionale in for... [apri]


17

21/11/2007

Titolo II DEGLI OBBLIGHI Capo I Obblighi di adeguata verifica della clientela Sezione I Disposizioni di carattere generale
Art.17
Obblighi di adeguata verifica della clientela da parte di altri soggetti
1. I soggetti di cui all'articolo 14, comma 1, lettere a), b), c)
ed f), osservano gli obblighi di adeguata verifica della clientela in relazione alle operazioni inerenti lo svolgimento dell'attivit... [apri]


18

21/11/2007

Titolo II DEGLI OBBLIGHI Capo I Obblighi di adeguata verifica della clientela Sezione I Disposizioni di carattere generale
Art.18
Contenuto degli obblighi di adeguata verifica della clientela
1. Gli obblighi di adeguata verifica della clientela consistono
nelle seguenti attivita':
a) identificare il cliente e verificarne l'identita' sulla base
di documenti, dati o informazioni ottenuti da... [apri]


19

21/11/2007

Titolo II DEGLI OBBLIGHI Capo I Obblighi di adeguata verifica della clientela Sezione I Disposizioni di carattere generale
Art.19
Modalita' di adempimento degli obblighi
1. L'adempimento degli obblighi di adeguata verifica della
clientela, di cui all'articolo 18, avviene sulla base delle modalita' di seguito descritte:
a) l'identificazione e la verifica dell'identita' del cliente e
de... [apri]


2

21/11/2007

Titolo I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE Capo I Disposizioni comuni
Art.2
Definizioni di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo e finalita' del decreto
1. Ai soli fini del presente decreto le seguenti azioni, se
commesse intenzionalmente, costituiscono riciclaggio:
a) la conversione o il trasferimento di beni, effettuati es... [apri]


20

21/11/2007

Titolo II DEGLI OBBLIGHI Capo I Obblighi di adeguata verifica della clientela Sezione I Disposizioni di carattere generale
Art.20
Approccio basato sul rischio
1. Gli obblighi di adeguata verifica della clientela sono assolti
commisurandoli al rischio associato al tipo di cliente, rapporto continuativo, prestazione professionale, operazione, prodotto o transazione di cui trattasi. Gli ent... [apri]


21

21/11/2007

Titolo II DEGLI OBBLIGHI Capo I Obblighi di adeguata verifica della clientela Sezione I Disposizioni di carattere generale
Art.21
Obblighi del cliente
1. I clienti forniscono, sotto la propria responsabilita', tutte le
informazioni necessarie e aggiornate per consentire ai soggetti destinatari del presente decreto di adempiere agli obblighi di adeguata verifica della clientela. Ai fini dell... [apri]


22

21/11/2007

Titolo II DEGLI OBBLIGHI Capo I Obblighi di adeguata verifica della clientela Sezione I Disposizioni di carattere generale
Art.22
(((Modalita')
1. Gli obblighi di adeguata verifica della clientela si attuano nei
confronti di tutti i nuovi clienti. Per la clientela gia' acquisita i suddetti obblighi si applicano al primo contatto utile, fatta salva la valutazione del rischio presente.))... [apri]


23

21/11/2007

Titolo II DEGLI OBBLIGHI Capo I Obblighi di adeguata verifica della clientela Sezione I Disposizioni di carattere generale
Art.23
Obbligo di astensione
1. Quando gli enti o le persone soggetti al presente decreto non sono in grado di rispettare gli obblighi di adeguata verifica della clientela stabiliti dall'articolo 18, comma 1, lettere a), b) e c), non possono instaurare il rapporto continuativo ... [apri]


24

21/11/2007

Titolo II DEGLI OBBLIGHI Capo I Obblighi di adeguata verifica della clientela Sezione I Disposizioni di carattere generale
Art.24
((Attivita' di gioco))
1. Gli operatori che svolgono l'attivita' di gestione di case da
gioco, indicati nell'articolo 14, comma 1, lettera d), procedono all'identificazione e alla verifica dell'identita' di ogni cliente che compia operazioni di acquisto e di cambio ... [apri]


25

21/11/2007

Sezione II Obblighi semplificati di adeguata verifica della clientela
Art.25
Obblighi semplificati
1. I destinatari del presente decreto non sono soggetti agli obblighi di cui agli articoli della Sezione I, ad eccezione di quelli di cui alla lettera c) dell'articolo 15, comma 1, alla lettera d) dell'articolo 16, comma 1, ed alla lettera c) dell'ar... [apri]


26

21/11/2007

Sezione II Obblighi semplificati di adeguata verifica della clientela
Art.26
Criteri tecnici e procedure semplificate di adeguata verifica della clientela
1. Il Ministro dell'economia e delle finanze, con proprio decreto,
sentito il Comitato di sicurezza finanziaria, puo' autorizzare l'applicazione, in tutto o in parte, degli obblighi sempli... [apri]


27

21/11/2007

Sezione II Obblighi semplificati di adeguata verifica della clientela
Art.27
Esclusioni
1. Quando la Commissione europea adotta, con riferimento ad un
Paese terzo una decisione a norma dell'articolo 40, paragrafo 4, della direttiva, gli enti e le persone soggetti al presente decreto non possono applicare obblighi semplificati di adeguat... [apri]


28

21/11/2007

Sezione III Obblighi rafforzati di adeguata verifica della clientela
Art.28
Obblighi rafforzati
1. Gli enti e le persone soggetti alla direttiva applicano misure
rafforzate di adeguata verifica della clientela in presenza di un rischio piu' elevato di riciclaggio o finanziamento del terrorismo e, comunque, nei casi indicati ai commi 2, 4 e 5.  [apri]


29

21/11/2007

Sezione IV Esecuzione da parte di terzi
Art.29
Ambito e responsabilita'
1. Al fine di evitare il ripetersi delle procedure di adeguata
verifica della clientela di cui all'articolo 18, comma 1, lettera a), b) e c), gli enti e le persone soggetti al presente decreto possono fare affidamento sull'assolvimento degli... [apri]


3

21/11/2007

Titolo I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE Capo I Disposizioni comuni
Art.3
Principi generali
1. Le misure di cui al presente decreto si fondano anche sulla
collaborazione attiva da parte dei destinatari delle disposizioni in esso previste, i quali adottano idonei e appropriati sistemi e procedure in materia di obblighi di adeguata ... [apri]


30

21/11/2007

Sezione IV Esecuzione da parte di terzi
Art.30
Modalita' di esecuzione degli obblighi di adeguata verifica della clientela da parte di terzi
1. Gli obblighi di adeguata verifica della clientela di cui
all'articolo 18, comma 1, lettere a), b) e c), si considerano comunque assolti, pur in assenza del clien... [apri]


31

21/11/2007

Sezione IV Esecuzione da parte di terzi
Art.31
Riconoscimento a livello comunitario dell'assolvimento da parte di terzi degli obblighi di adeguata verifica
1. Nelle ipotesi previste dall'articolo 30, comma 1, lettera a), i
soggetti di cui all'articolo 11 riconoscono i risultati degli obblighi di adeguata verifica ... [apri]


32

21/11/2007

Sezione IV Esecuzione da parte di terzi
Art.32
Requisiti obbligatori per i soggetti terzi
1. Ai fini della presente sezione, si intendono per "terzi" gli
enti o le persone enumerati nell'articolo 2 della direttiva o enti e persone equivalenti situati in uno Stato extracomunitario, che soddisfino le condizioni se... [apri]


33

21/11/2007

Sezione IV Esecuzione da parte di terzi
Art.33
Esclusioni
1. Quando la Commissione europea adotta una decisione a norma
dell'articolo 40, paragrafo 4, della direttiva, i destinatari del presente decreto non possono ricorrere a soggetti terzi del Paese terzo in questione per l'assolvimento degli obbligh... [apri]


34

21/11/2007

Sezione IV Esecuzione da parte di terzi
Art.34
Obblighi dei terzi
1. I terzi mettono immediatamente a disposizione dei destinatari
del presente decreto ai quali il cliente e' ((stato presentato)) le informazioni richieste in virtu' degli obblighi di cui all'articolo 18, comma 1, lettere a), b) e c).
2. Le copie... [apri]


35

21/11/2007

Sezione IV Esecuzione da parte di terzi
Art.35
Rapporti di esternalizzazione o di agenzia
1. La presente sezione non si applica ai rapporti di
esternalizzazione o di agenzia nel quadro dei quali il fornitore del servizio esternalizzato o l'agente sono considerati, ai sensi del contratto, parte integran... [apri]


 
 
       
     
TESTI NORMATIVI SERVIZI NEWS SHOP/DOWNLOAD CONTATTI
 
 
DISCLIMER
leggi il disclimer
 
COPYRIGHT
leggi limitazioni copyright
 
CREDITS
Credits